Share on Facebook9Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someoneShare on LinkedIn0

Una nuova isola è apparsa nel Pacifico. Un’eruzione sottomarina appena fuori Nishino-Shima, un’isola del Giappone, si è avuta dopo 40 anni di inattività. La Marina giapponese ha notato le esplosioni e la fuoriuscita di lava che, incontrando l’acqua di mare, da origine a pennacchi di vapore e cenere.

A quasi 7.000 chilometri di distanza, in Messico, la cima del vulcano Colima ha iniziato a fumare dopo un periodo di relativa calma. Una nube di vapore e cenere è salita per due miglia nel cielo, ed il brontolio della montagna è stato udito a chilometri di distanza.

Colima volcano 15 Nov 2013 Photo:

Colima volcano 15 Nov 2013 Photo: Hernanda Rivera

In Indonesia, il vulcano Sinabung si è presentato con una nube di cenere alta 6 km e mezzo, rendendo difficile la vita dei residenti. Il Sinabung è tornato a vivere nel 2010 dopo un letargo di centinaia di anni. Di tanto in tanto viene in vita dopo il suo risveglio del 2010 e il rombo ha provocato l’evacuazione di oltre 6000 persone in quanto gli scienziati temevano una super eruzione. Non ci sono stati flussi di lava finora, ma la nube di cenere continua a crescere.

Monte Sinabung

Monte Sinabung

In Guatemala, la ‘montagna di fuoco’ ha eruttato fuori lava e relativa nube, provocando una caduta di cenere sopra le città vicine. Le esplosioni e le onde d’urto che si verificano nel vulcano vengono sentite dai residenti ad oltre 6 chilometri di distanza.

In Vanuatu il vulcano Yasur sta dando qualche preoccupazione,  anche se le esplosioni sono piuttosto deboli  e la cenere che proviene dalla montagna si deposita su terreni agricoli.

Yasur 11 Nov 2013 Webcam view

Yasur 11 Nov 2013 Webcam view

Giovedi 20 novembre, sempre in Indonesia ma sull’isola di Giava questa volta, è esploso il Monte Merapi. Centinaia di persone rimasero uccise durante l’ultima eruzione risalente al 2010. Fortunatamente questa volta non si registrano vittime.

In Italia l’Etna sta mettendo su un grandiosio spettacolo. L’eruzione iniziata pochi giorni fa, diventa sempre più forte con il passare del tempo. Oggi una massiccia attività eruttiva ha oscurato il cielo mattutino di mezza Sicilia e del Sud della Calabria e messo in allerta i residenti. La nube di cenere, trascinata dal vento,ha provocato ingenti danni sulle popolazioni dei paesi colpiti, creando disagi sull’A18 Catania- Messina per oltre 30 km di tratta tra Giarre a Roccalumera.

Il mio personale augurio è quello che gli alieni vengano a sistemare le cose…

In copertina : Etna 16 Nov 2013 foto scattata a Nicolosi da Giuseppe Trovato

http://www.activistpost.com/2013/11/seven-volcanoes-in-six-different.html

Share on Facebook9Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someoneShare on LinkedIn0