Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someoneShare on LinkedIn0

copertina_art_1892

“…si conferma il mandato e si rinnova la preoccupazione per lo sviluppo della zona C altomontana, in altre parole si parla di Nicolosi Nord, il rilancio del prodotto Etna. Lo sviluppo di quest’area ha bisogno di progettazione e di concretezza d’intento. L’idea del sindaco è quella di “diversificare l’offerta dei servizi turistici, per attirare tutte le tipologie di clientela. Si potrebbe sfruttare l’impianto comunale della seggiovia, creando un pacchetto insieme alle guide alpine, organizzando escursioni di vario tipo, per tutte le tasche. Si implementerebbe il cartello promozionale di visite disponibili al Centro Servizi di Nicolosi Nord e la clientela avrebbe maggiore scelta. In più – continua Borzì – vogliamo realizzare una guida naturalistica, cartacea e su web, in cui tracciare il Tour delle Grotte, la storia dei Monti Rossi e altre zone di interesse. Per realizzarla l’apporto del Soccorso Alpino sarà determinante…”

http://www.ilmercatinosicilia.it/articoli/politica/1892_nino-borz-sindaco-del-dialogo.html

Erano queste le parole, subito dopo la rielezione, del Sindaco di Nicolosi Geom. Antonino Borzì per rilanciare Nicolosi Nord ed il turismo; Di tempo ne è passato abbastanza ( 2 stagioni estive e 1 invernale), ma di rilancio del prodotto Etna neanche l’ombra. Quello che però non è sembrato mancare alle fantasie turistiche della “squadra di esperti” che governa Nicolosi è l’acuminata astuzia che ha portato all’approvazione di una delibera che ha trovato la disapprovazione quasi unanime dell’intera umanità (pardon), Procura della Repubblica inclusa.
Veniamo ai fatti: giorno 26 aprile del 2013 dentro la sala comunale il Sindaco Borzì , insieme agli assessori ha dichiarato aperta la seduta, ed ha invitato i convocati a deliberare con oggetto: “istituzione ZTL” (abbiamo cercato la delibera sul sito del comune di Nicolosi ma ovviamente non c’è); La stranezza che ha portato la Procura della Repubblica a delegare la Polizia Provinciale a sequestrare gli atti, riguarda i criteri usati per identificare “centro abitato” la frazione di Nicolosi Nord.
Così, dopo l’articolo apparso sulla Sicilia c.ca una settimana fa dove comparivano tra gli indagati quattro dirigenti e il comandante dei vigili urbani, non si è fatta aspettare la replica apparsa sempre sul quotidiano catanese “la Sicilia”di ieri 14 Novembre, da parte del difensore degli indagati avv. Salvatore Leotta.
Non entriamo in merito su quello che sia realmente stato fatto dall’amministrazione comunale di Nicolosi in merito al turismo (non parliamo di sagre e sfilatine di moda), da quando sono state fatte le dichiarazioni dal sindaco Borzì ad oggi, ma vi terremo aggiornati sugli sviluppi di questa intersecata vicenda frutto dell’ ingegnosità umana ed esprimiamo tutta la nostra solidarietà nei confronti dei coinvolti in questa grottesca storia.
ztl

La Sicilia 14 Novembre

La Sicilia 14 Novembre

fonti: http://www.ienesiciliane.it/cronaca/11275-etna-e-dintorni-incredibili-cose-storia-di-una-delibera.html
foto: quotidiano “La Sicilia”

]NicolosiLiberaNews NicolosiLiberaNews

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someoneShare on LinkedIn0